PMC

Discussione

Oclacitinib inibisce selettivamente JAK1 del trasduttore del segnale JAK e dell’attivatore della trascrizione (JAK-STAT), che svolge un ruolo centrale nella segnalazione delle citochine delle citochine proinfiammatorie nella dermatite atopica, sia nei cani che nell’uomo. Il percorso è essenziale per IL-4, IL-5 e IL-13, che sono noti per svolgere un ruolo nella patogenesi sottostante della dermatite atopica.1 Due inibitori JAK, ruxolitinib e tofacitinib, sono attualmente approvati dalla Food and Drug Administration per il trattamento della mielofibrosi e dell’artrite reumatoide e psoriasica, rispettivamente. Tofacitinib inibisce sia JAK1 e JAK3 ed è stato dimostrato di avere effetti benefici nel trattamento della dermatite atopica quando somministrato sia per via topica e per via orale.2,3 In uno studio randomizzato controllato di fase IIa che ha confrontato 2% tofacitinib unguento con placebo, dopo 4 settimane di trattamento, la variazione percentuale media nel punteggio dell’indice di area e gravità dell’eczema rispetto al basale per il gruppo tofacitinib è stata -81,7% rispetto a -29,9% per il gruppo placebo.3 Una serie di casi di sei pazienti con dermatite atopica da moderata a grave trattati con tofacitinib orale ha mostrato una diminuzione media del 66,6% del punteggio della dermatite atopica (SCORAD) da 36,5 a 12 durante le 8-29 settimane di trattamento senza che siano stati riportati eventi avversi.2 Inoltre, il nuovo potente inibitore di JAK1, JAK2 e JAK3, JTE-052, ha dimostrato di migliorare la funzione di barriera cutanea sopprimendo il trasduttore del segnale e l’attivatore della trascrizione 3 segnalazione, che è un elemento chiave nella regolazione della differenziazione dei cheratinociti.4 L’inibizione JAK ha un eccellente potenziale per il trattamento della funzione di barriera interrotta e del controllo dei sintomi in pazienti con dermatite atopica, con più preparati attualmente in studi clinici.

A nostra conoscenza, oclacitinib non è stato testato negli esseri umani fino ad oggi. Questa evidenza aneddotica per la significativa efficacia dell’inibizione JAK1 nella dermatite atopica fornisce ulteriori prove a sostegno dell’utilità di indirizzare la via JAK-STAT nel trattamento della dermatite atopica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.