Nursing Kardex: Patient Care Summary

Stampa amichevole, PDF Email

di Raymund John Ang, RN, MAN

Raymund è un RN medico-chirurgico con un interesse in informatica sanitaria. Si è laureato con una laurea BSN presso l’Università di St. La Salle, e ha conseguito il suo Master of Arts in infermieristica presso l’Università delle Filippine Open University. Attualmente è il project lead del progetto Open Nursing Information System (Open-NIS) – con l’obiettivo di democratizzare lo sviluppo di applicazioni web per gli operatori sanitari, in particolare gli infermieri, utilizzando piattaforme open source, come WordPress.

COLONNA

Nursing Kardex: Riassunto della cura del paziente

Gli infermieri si affidano alle informazioni provenienti dalle cartelle cliniche elettroniche (EMR) e da altre fonti di dati sanitari per fornire in modo efficace ed efficiente servizi sanitari ai pazienti. La cartella clinica elettronica ha vari moduli che soddisfano le esigenze dei diversi operatori sanitari. I medici utilizzano computerized physician order entry (CPOE) quando si effettuano ordini. Questi ordini sono quindi disponibili per gli infermieri per navigare e svolgere, per i farmacisti per verificare e preparare i farmaci, e per i tecnologi medici per analizzare campioni biologici. Gli infermieri utilizzano moduli di documentazione e amministrazione medica per scansionare i farmaci dei pazienti e per tracciare le voci. L’EMR è diventata una piattaforma multidisciplinare per gli operatori sanitari in termini di collaborazione.

Prima dei mezzi elettronici di memorizzazione e accesso alle informazioni dei pazienti, gli infermieri utilizzavano il nursing kardex per semplificare il flusso di lavoro di cura dei pazienti. Nel kardex infermieristico, gli infermieri sarebbero in grado di sfogliare le informazioni del paziente, come nome e dati demografici, allergie, reclami principali o motivo per l’ammissione, codice di rianimazione, elenco di farmaci e piano di cura. Questo può essere pensato come un cheat sheet quando sfogliando le informazioni di diversi pazienti. Ma, come può il concetto di “nursing kardex” essere ancora rilevante nell’avvento del sistema di cartelle cliniche elettroniche?

Ci sono almeno tre modi in cui il kardex infermieristico potrebbe essere integrato oggi come riassunto della cura del paziente per gli infermieri.

In primo luogo, il nursing kardex o il patient care summary possono essere integrati come modulo all’interno dell’EMR stesso. La presentazione dei dati sanitari dal database EMR dipende generalmente da chi visualizzerà le informazioni pertinenti. Per i medici, un layout di presentazione può essere sotto forma di note di progresso del medico in cui le informazioni del paziente sono disposte in base a come i medici vorrebbero la storia, i risultati di laboratorio e diagnostici e il piano medico di cura presentato. Questo può variare a seconda dei fornitori o delle specifiche tecniche di implementazione delle istituzioni sanitarie. Per gli infermieri, questo può essere sotto forma di un riassunto di cura del paziente o di cura kardex. Il modulo nursing kardex consentirebbe l’accesso alle informazioni del database EMR rilevanti per la fornitura di assistenza infermieristica. Come per le note di avanzamento del medico, il layout della presentazione dipenderebbe dalle impostazioni predefinite del fornitore EMR o dai requisiti stabiliti dagli infermieri che utilizzeranno il suddetto modulo.

La seconda configurazione per un riassunto di cura del paziente per gli infermieri sarebbe attraverso Application Programming interfaces (API). Un’API è uno script di programmazione che consente alle applicazioni esterne di interfacciarsi o interagire con l’applicazione EMR, in particolare il livello del database. Un sistema di cartelle cliniche elettroniche può avere specifiche API che consentirebbero a un’applicazione esterna di visualizzare i dettagli nel database senza avere accesso diretto al database EMR. Ciò è particolarmente utile per estendere la portata delle applicazioni EMR per integrare applicazioni personalizzate che condividono i dati con la cartella clinica elettronica. L’applicazione personalizzata non deve essere costruita utilizzando lo stesso linguaggio di programmazione dell’applicazione EMR, ma deve avere le credenziali giuste per accedere all’API per estendere le funzionalità EMR.

La terza e ultima configurazione è il riepilogo della cura del paziente per gli infermieri come applicazione completamente separata dal sistema di cartelle cliniche elettroniche. Ciò significa che l’applicazione non ha accesso al database EMR, direttamente o tramite un’API, e ha una propria struttura di database e schema. Le operazioni create-read-update-delete o CRUD all’interno dell’applicazione non influiscono sui dati memorizzati nel database EMR. Essere disconnessi dal database EMR ha il suo svantaggio – in particolare, non essere in grado di sincronizzare i dati tra le due applicazioni. Tuttavia, avere un’applicazione separata e una struttura di database significa che lo sviluppatore infermiere ha una maggiore flessibilità nella progettazione di cosa e come i dati devono essere memorizzati nel database in base alle specifiche dell’utente. Ad esempio, potrebbero esserci informazioni banali che non devono essere incluse nell’EMR, o informazioni sintetizzate o conoscenze elaborate dai dati nell’EMR che avrebbero bisogno di interpretazione umana per la presentazione dei dati.

Il nursing kardex o patient care summary è uno strumento che è di e per gli infermieri. Gli infermieri dovrebbero avere un senso di proprietà del kardex infermieristico poiché ha servito le esigenze di innumerevoli infermieri per decenni. L’introduzione del sistema elettronico di cartelle cliniche non deve diminuire il valore del kardex infermieristico in ambito clinico. Gli sviluppatori di infermiere dovrebbero essere creativi su come possono integrare il concetto del kardex infermieristico nei sistemi di cartelle cliniche elettroniche implementati nelle rispettive istituzioni.

Hager, L., & Munden, J. (2008). Guida completa alla documentazione (2a ed.). Il suo nome deriva dal nome della città.

Jacobson, D., Brail, G., & Woods, D. (2012). API: una guida strategica. Sebastopol, CA: O’Reilly Media, Inc.

Richardson, L., Amundsen, M., & Ruby, S. (2013). API Web RESTful: servizi per un mondo che cambia. Sebastopol, CA: O’Reilly Media, Inc.

Timby, B. K. (2009). Competenze e concetti infermieristici fondamentali (9a ed.). Filadelfia, PA: Wolters Kluwer Salute / Lippincott Williams & Wilkins.

Bianco, L. (2005). Fondamenti di infermieristica di base (2 ° ed.). I nostri servizi sono a vostra disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.