Michael Jordan ha scommesso una quantità folle di denaro su Roccia, carta, forbici con i suoi compagni di squadra Bulls

Michael Jordan non ha mai creduto in nessuno più di se stesso. Il più grande giocatore nella storia della NBA notoriamente chiamato fuori avversari. Ha sfidato i compagni di squadra. E a volte lasciava che quella sfrontatezza si trasferisse nel mondo del gioco d’azzardo.

Alcuni hanno sostenuto che la sua dipendenza dal gioco ha portato al suo brusco ritiro NBA. Ma anche se questo errore è stato sfatato, certamente non c’è stata carenza di storie divertenti di MJ nel corso degli anni. Eppure, uno degli esempi più incredibili delle grandi scommesse di Michael Jordan è venuto in un gioco che anche un bambino può giocare: roccia, carta, forbici.

La leggendaria carriera NBA di Michael Jordan

Ogni discussione sul miglior giocatore della storia NBA inizia e finisce con Michael Jordan. Non c’è carenza di statistiche per sostenerlo. Ha guidato la NBA nel punteggio per sette stagioni consecutive. Ha fatto la squadra All-Star ogni anno ha giocato, fatta eccezione per la stagione 1994-95 in cui si adattò per solo 17 partite. Naturalmente, che può essere incolpato sulla sua incursione fallita a giocare a baseball.

L’highlight reel umano non ha solo accumulato statistiche individuali. La folle spinta di Jordan a vincere ha aiutato i Chicago Bulls a diventare probabilmente la più grande dinastia nella storia della NBA. Con Jordan, Scottie Pippen e Dennis Rodman che formano una solida base, Chicago ha conquistato sei titoli NBA in 13 anni di Jordan con la squadra. In termini di pedigree del campionato, solo Tom Brady può rivaleggiare con MJ tra gli altri atleti di successo.

Un esemplare fisico davvero unico nella vita, Jordan ha continuato a giocare ad alto livello fino alla fine degli anni ‘ 30. Anche dopo aver sprecato tre anni in pensione, è tornato a giocare altre due stagioni con i Washington Wizards. Lui e Rip Hamilton formarono un duo di punteggio di prim’ordine. Nella sua ultima stagione NBA, Michael Jordan ha avuto una media di 20 punti e probabilmente avrebbe potuto continuare a giocare bene nei suoi 40 anni.

La sua aria era un noto giocatore d’azzardo

Mai uno a fare marcia indietro da una sfida, Michael Jordan è diventato uno dei più grandi giocatori d’azzardo nella storia dello sport. Anche se ha fatto milioni nella sua carriera NBA, alcuni hanno ipotizzato che la sua dipendenza da scommesse ha portato al suo improvviso ritiro 1993. Anche se l’ex commissario NBA David Stern ha messo a tacere la voce, è solo un esempio dei ben documentati problemi di gioco di MJ.

ESPN talking head Skip Bayless ha assistito alle scommesse sicure di Jordan durante i suoi giorni a Chicago. L’esperienza di guardare la leggenda affondare colpi ridicoli per migliaia di dollari non ha mai lasciato la sua mente.

Anche nei suoi giorni post-gioco, Jordan ancora trovato un modo per essere coinvolti con il gioco d’azzardo. Più di recente, NBA busto Adam Morrison ha ricordato una storia in cui Jordan, come il proprietario Bobcats, sfidato uno dei suoi giocatori in una partita di poker. Naturalmente, la posta in gioco non era troppo alta per la leggenda NBA che vale più di billion 2.1 miliardi.

Jordan folle roccia, carta, forbici scommessa

Forse il più esilarante Michael Jordan gioco d’azzardo storia coinvolge un gioco che tutti noi dovremmo avere familiarità con. L’ex giocatore NBA Jay Williams ha giocato solo 75 partite con i Bulls prima di subire un incidente motociclistico che termina la carriera. Tuttavia, l’ex star di Duke ha avuto la possibilità di condividere un pezzo di storia di MJ sul Podcast Brilliant Idiots qualche anno fa e non ha deluso.

Secondo Williams, Jordan non ha mai rinunciato all’opportunità di scommettere su roccia, carta, forbici. E questo non era il tuo normale gioco low-stakes per risolvere chi spara per primo. Invece, i giocatori a volte scommettevano 2 20.000 su un singolo round del classico dell’infanzia.

“E non farti cadere nel gioco dei dadi. Non stare nell’angolo e lasciare che un tizio continui a svanirti e all’improvviso sei giù 1 100,000 e lui è come, ‘ Scommettilo indietro-rock, paper, scissors per $100,000.'”

Naturalmente, 100.000 dollari non rappresentavano un’ammaccatura importante nel portafoglio di Michael Jordan. Se avesse perso così tanto oggi in una singola partita, non rappresenterebbe nemmeno una frazione di un percento del suo incredibile patrimonio netto. A quanto pare per La CAPRA, la carta vince sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.