Matteo 12: 10 c’era un uomo con la mano appassita. Per accusare Gesù, gli chiesero: “È lecito guarire di sabato?”

(10) C’era un uomo che aveva la mano appassita.– Due fatti sono impliciti: (1.) Che i farisei si aspettavano che nostro Signore guarisse l’uomo così afflitto. Sapevano che comunemente la semplice vista di una sofferenza di questo tipo richiamava la Sua simpatia, e che la simpatia passava in atto. (2.) Che avevano risolto, ii ha fatto in modo di guarire, per renderlo il terreno di una precisa accusa davanti al tribunale locale, il “giudizio” di Matteo 5: 21. La casistica dei Rabbini ha permesso la guarigione arte di essere praticata il Sabato in caso di vita e di morte, ma la “mano appassita,” una infermità permanente, ovviamente, non rientrano in tale categoria.

Versetto 10-Ed ecco, c’era un uomo che aveva la mano appassita; ed ecco un uomo che aveva la mano appassita (Versione riveduta, con Westcott e Hort). Per la citazione di Girolamo da “il Vangelo che i Nazareni e Ebioniti uso” (comp. anche Introduzione, p. 16.), in cui quest’uomo dice il nostro Signore, “Coementarius (un massone) eram, manibus vietum quaeritans,” vedi soprattutto Resch, ‘Agrapha,’ p. 379. E gli chiesero, dicendo. Nella narrazione della guarigione dell’uomo con l’idropisia, che si trova in Luca 14:1-6 (vide supra), una domanda simile viene posta da nostro Signore. È lecito guarire nei giorni di sabato? La risposta tahnudica è che è illegale se non nei casi di pericolo reale per la vita (cfr. Schurer, IL 2: 104). ma se questa distinzione è stata davvero disegnata fin dal tempo di nostro Signore non è noto nel presente stato arretrato di tutte le indagini critiche della letteratura ebraica. Che essi potrebbero accusarlo, cioè davanti alla corte locale, Matteo 5: 21 (Meyer). Osservate che, riconoscendo la sua disponibilità ad aiutare gli altri, desiderano (secondo Matteo) ottenere da lui una chiara dichiarazione se avrebbe seguito la legge tradizionale (come possiamo supporre che fosse) o la rete, con l’intenzione di basare la loro accusa sulla sua risposta. Verbalmente, tuttavia, Cristo evita il dilemma, come nel caso più famoso del tributo a Cesare (Matteo 22:21).
Commenti paralleli …

Lessico

e
καὶ (kai)
Congiunzione
Greco di Strong 2532: E, anche, anche, vale a dire.
un uomo
ννθρωπος (anthrōpos)
Sostantivo – Nominativo Maschile Singolare
Greco di Strong 444: Un uomo, uno della razza umana. Da aner e ops; man-faced, cioè Un essere umano.
con
ἔχων (echōn)
Verbo-Participio Presente Attivo-Nominativo Maschile Singolare
Greco di Strong 2192: Avere, tenere, possedere. Tra cui una forma alternativa scheo skheh ‘ – o; un verbo primario;tenere.

a appassito
ξηράν (xēran)
Aggettivo – Accusativo Femminile Singolare
Greco di Strong 3584: Secco, appassito; sostantivo: terra asciutta. Dalla base di xestes; arido; implicitamente, rimpicciolito, terra.
mano
χερρα (cheira)
Sostantivo – Accusativo Femminile Singolare
Greco di Strong 5495: Una mano.
.
δδο ((idou)
Verbo – Aoristo Imperativo Attivo – 2a persona Singolare
Greco di Strong 2400: Vedi! Ecco! Guardate! Guardate! Seconda persona singolare imperativo voce centrale di eido; usato come imperativo lo!
Per
ννα (hina)
Congiunzione
Greco di Strong 2443: In modo che, in modo che. Probabilmente dalla stessa parte precedente di heautou; in modo che.
accusare
κατηγορήσωσιν (katēgorēsōsin)
Verbo – Congiuntivo aoristico Attivo – 3a persona Plurale
Greco di Strong 2723: accusare, accusare, perseguire. Da kategoros; essere un querelante, cioè Caricare con qualche offesa.
,
αττο aut (autou)
Pronome personale / possessivo – Genitivo Maschile 3a persona Singolare
Il greco di Strong 846: Lui, lei, lui, loro, loro, lo stesso. Dalla particella au; il pronome riflessivo sé, usato della terza persona, e delle altre persone.
hanno chiesto
ἐπηρώτησαν (epērōtēsan)
Verbo – Aoristo Indicativo attivo – 3a persona Plurale
Greco di Strong 1905: interrogare, domanda, domanda di. Da epi e erotao; chiedere, cioè Chiedere, cercare.
Lui,
αττνν (auton)
Pronome personale / possessivo – Accusativo Maschile 3a persona Singolare
Il greco di Strong 846: Lui, lei, lui, loro, loro, lo stesso. Dalla particella au; il pronome riflessivo sé, usato della terza persona, e delle altre persone.
“È lecito
ξξεστιν (exestin)
Verbo – Presente Indicativo Attivo – 3a persona Singolare
Greco di Strong 1832: È permesso, lecito, possibile.
per guarire
θεραπεσσαι (therapeusai)
Verbo – Aoristo Infinito Attivo
Greco di Strong 2323: Dallo stesso di therapon; aspettare menially, cioè adorare, o alleviare.
sul
τοςς(tois)
Articolo – Dativo Neutro Plurale
Greco di Strong 3588: Il, l’articolo determinativo. Compreso il femminile egli, e il neutro a in tutte le loro inflessioni; l’articolo determinativo; il.
Sabato?”
σάββασιν (sabbasin)
Sostantivo – Dativo Neutro Plurale
Greco di Strong 4521: Il sabato, una settimana.

Salta al Precedente

Accusare Braccio di Carica Curare la Mano Morta Guarire Intenzione Gesù Lecito Questione in Discussione la Ragione Destra Sabato Sabati Raggrinzito Striminziti Qualcosa Appassito

Salta al Successivo

Accusare Braccio di Carica Curare la Mano Morta Guarire Intenzione Gesù Lecito Questione in Discussione la Ragione Destra Sabato Sabati Raggrinzito Striminziti Qualcosa Appassito

Link

Matteo 12:10 NIV
Matteo 12:10 NLT
Matteo 12:10 ESV
Matteo 12:10 TILC
Matteo 12:10 KJV
Matteo 12:10 BibleApps.com
Matteo 12:10 Biblia Paralela
Matteo 12:10 Bibbia cinese
Matteo 12:10 Bibbia francese
Matteo 12: 10 Citazioni Clyx
NT Vangeli:Matteo 12: 10 Ed ecco c’era un uomo (Matt. Mat Mt)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.