Giobbe 5 Commento

Passando dal capitolo 4 al capitolo 5, Eliphaz sembra davvero aumentare la retorica contro Giobbe. Sembra come se improvvisamente prende un tono più accusatorio con lui a partire dal versetto 1.

5:1 Chiama ora, se c’è qualcuno che ti risponderà;
e a quale dei volterai?

Quindi, Eliphaz sembra prendere in giro Job. E la supposizione che fa è che né Dio né nessuno dei suoi messaggeri angelici-i suoi santi-saranno interessati ad aiutare Giobbe nelle sue difficoltà.

Lavoro 5 Commento / Perché nessuno ascolterà

Wow. Perche ‘ Eliphaz dovrebbe pensarlo?

2 Poiché l’ira uccide lo stolto,
e uccide lo sciocco.

Quindi, Dio non risponde ai peccatori – almeno in modo utile – secondo Elifaz. Infatti, l’ira e l’invidia o l’ira di Dio lo portano a uccidere sempre immediatamente gli stolti.

E così, Elifaz sta parlando con molta fiducia a favore di Dio e dice a Giobbe che, poiché è uno stolto, Dio non lo ascolterà, ma piuttosto lo distruggerà.

Giobbe 5 Commento | Più esperienza personale

Ed Eliphaz ha più esperienza personale che pensa rafforzerà le sue affermazioni.

3 Ho visto lo stolto mettere radici:
ma improvvisamente ho maledetto la sua dimora.

E probabilmente significa che annuncia l’abitazione dello stolto maledetto da Dio. Dio – secondo Elifaz-maledice la dimora dello stolto – e quando Elifaz lo ha visto accadere “maledice” il posto precedente di quello stolto nel senso che identifica che Dio l’ha maledetto.

E questo è apparentemente ciò che Elifaz pensa che Dio stia facendo a Giobbe-maledicendo la sua abitazione. Il che significa che Job e ‘ fool uno stupido.

Giobbe 5 Commento / Versetto 4

Ed Elifaz continua…

4 I suoi figli sono lontani dalla sicurezza,
e sono schiacciati nel ,
né c’è nessuno per liberarli.

E devi ammettere che questa è una dichiarazione molto audace e provocatoria di Eliphaz – alla luce del fatto che i figli di Giobbe sono letteralmente stati schiacciati dal tetto della casa in cui si erano riuniti.

Giobbe 5 Commento / Versetto 5

Ancora, Elifaz continua…

5 La cui messe l’affamato mangia,
e la prende anche dalle spine,
e la inghiotte la loro sostanza.

Ancora una volta, questo genere di cose è appena successo a Job. Sabei e Caldei hanno preso la sua roba.

E questa non è una coincidenza. Eliphaz sta dicendo queste cose perché sta accusando Job di essere un pazzo. Ed è per questo che Dio ha mandato queste cose nella sua vita.

Giobbe 5 Commento / Versi 6-7

Eliphaz continua…

6 Anche se l’afflizione non esce dalla polvere,
dal terreno non sgorgano problemi;

7 Eppure l’uomo nasce per guai,
mentre le scintille volano verso l’alto.

In altre parole, problemi e afflizioni come quello che sta vivendo Giobbe non vengono semplicemente dal nulla. Dio è colui che li manda.

Eppure, Eliphaz sembra allargarsi un po ‘ nel versetto 7 per considerare l’uomo in generale – non solo il pazzo, che pensa che sia Giobbe. Il genere umano è nato per sperimentare difficoltà altrettanto certo come scintille volano.

Giobbe 5 Commento | Più gentile e gentile

E sembra come se i versi 6 e 7 fossero un punto di svolta per Elifaz nel suo tono con Giobbe. Perché dal versetto 8 alla fine del capitolo, Elifaz sembra avere un approccio più gentile e gentile con il suo amico Giobbe.

8 Vorrei cercare a Dio,
e a Dio vorrei la mia causa:

Ora, perché Elifaz avrebbe fatto questo – cercare Dio e affidargli la sua causa-se fosse nella posizione di Giobbe?

Giobbe 5 Commento / Perché rivolgersi a Dio?

Prima di tutto, perché Dio è onnipotente-versetto 9.

9 Che fa cose grandi e imperscrutabili;
cose meravigliose senza numero:

E Dio è buono-versetto 10.

10 Che dà la pioggia sulla terra,
e invia le acque sui campi:

E Dio mette le cose a posto-specialmente per gli umili-versetto 11.

11 Innalzare in alto quelli che sono bassi;
affinché quelli che piangono siano al sicuro.

E Dio mette le cose a posto – anche per i malvagi – che è naturalmente ciò che Elifaz sospetta di essere Giobbe – versetti 12-14.

12 Egli delude il furbo,
in modo che le loro mani non possono eseguire la loro .

13 Egli prende i saggi nella loro astuzia:
e il consiglio dell’is .

E a proposito, questo è l’unico versetto del libro di Giobbe citato nel Nuovo Testamento. Paolo afferma che ciò che Elifaz dice qui è generalmente vero per il Signore in 1 Corinzi 1: 19.

14 Si incontrano con l’oscurità durante il giorno,
e brancolano nel mezzogiorno come nella notte.

Ed Elifaz avrebbe inoltre chiesto aiuto a Dio perché Dio è molto misericordioso verso i poveri a spese di coloro che lo opprimerebbero – versetti 15 e 16.

15 Ma egli salva i poveri dalla spada,
dalla loro bocca e dalla mano dei potenti.

16 Così la povera ha speranza,
e l’iniquità le chiude la bocca.

E – secondo il pensiero di Elifaz – quando Giobbe si rivolge a Dio, allora Giobbe dovrà essere pronto per questo – versetto 17.

17 Ecco, felice è l’uomo che Dio corregge:
perciò non disprezzare il castigo dell’Onnipotente:

Ed è molto probabile che nella mente di Elifaz Giobbe stia già sperimentando il castigo da parte di Dio. Elifaz incoraggia quindi Giobbe a non disprezzare o a non pensare poco a ciò che Dio sta facendo nella sua vita.

Ma qual è il problema con il pensiero di Eliphaz? Job

La sofferenza di Giobbe non è dovuta al suo peccato! Non è una correzione da parte di Dio.

Sì, Dio può agire in questo modo: usa la sofferenza per castigare. Ma non è quello che Dio sta facendo nel caso di Giobbe. Quindi, Eliphaz ha generalmente ragione, ma è altrettanto sbagliato come può essere quando applica ciò che pensa di sapere di Dio a ciò che pensa di sapere su Giobbe.

Lavoro 5 Commento / Migliori giorni ancora a venire!

Ed ecco più di ciò che Elifaz pensa che Dio stia facendo nella vita di Giobbe.

18 513 > egli e le sue mani .

Sì, Dio ha quel potere. E questo – ovviamente-è esattamente ciò che Giobbe vuole che Dio faccia per lui. Eppure, Dio non sta facendo per lui come dice Elifaz.

Questo perché Dio ha altri piani – e non cambierà i suoi piani solo perché Eliphaz sta parlando per lui e garantisce che farà qualcosa.

Commento di Giobbe 5 / Benedizioni millenarie!

Eppure, Elifaz continua a parlare di ciò che è abbastanza sicuro che Dio farà nella situazione di Giobbe. E nei successivi versetti, Elifaz è molto ottimista riguardo a ciò che gli viene assicurato che Dio farà non appena Giobbe gli confesserà il suo peccato.

19 Egli ti libererà in sei:
sì, in sette non vi sarà alcun male toccarti.

20 In carestia ti redimerà dalla morte:
e in guerra dal potere della spada.

21 Sarai nascosto da:
né avrai paura della distruzione quando verrà.

22 Alla distruzione e alla carestia riderai:
e non avrai paura delle bestie della terra.

23 Poiché tu sarai con le pietre del campo:
e le bestie del campo saranno in pace con te.

E così, a questo punto, Elifaz parla della situazione potenziale di Giobbe – non appena si rivolge a Dio dal suo peccato – come se entrasse nel Regno Millenario! Il cielo e la natura canteranno – per così dire-quando Giobbe finalmente si allontanerà dal suo peccato-o, così pensa Elifaz.

Giobbe 5 Commento | La vita perfetta

Ed Eliphaz è convinto che la vita di Giobbe sarà praticamente perfetta non appena si pentirà…

24 E tu saprai che il tuo sarà;
e tu sarai la tua dimora ,e non.

25 Saprai anche che la tua progenie sarà ,
e la tua progenie come l’erba della terra.

26 Verrai alla tua tomba in piena età,
come a stagione.

E penso che sia davvero interessante che questo sia esattamente ciò che finisce per accadere a Job alla fine di questo libro. Ha piu ‘ figli. Muore in età avanzata.

Ma non è perché si è pentito di qualsiasi presunto peccato. È perché ha imparato a fidarsi della saggezza di Dio-anche quando non riusciva a capire le vie di Dio.

Giobbe 5 Commento | Conclusione

E Elifaz conclude nel versetto 27 con un’altra nota di fiducia nella sua esperienza personale.

27 , noi abbiamo, così è;
ascoltalo, e tu per il tuo bene.

Quindi, il gioco è fatto! Eliphaz ha risolto il problema con Job. Giobbe è un peccatore e Dio lo sta punendo per questo. Tuttavia, se Giobbe si rivolge a Dio, Dio lo benedirà enormemente.

Giobbe 5 Commento | Eliphaz è sbagliato

Tuttavia – ciò che Eliphaz è ignorante è che se Dio ha lavorato in questo modo, una grande domanda posta in questo libro sarebbe rimasta senza risposta. Ricordate la domanda dai primi 2 capitoli di Giobbe? È possibile per un uomo adorare Dio per niente? Adorare Dio solo per chi è anziché per ciò che dà?

Se Dio agisse in linea con il modo in cui Elifaz lo immagina, noi – e Satana – non sapremmo mai se Giobbe adorasse Dio per niente.

In aggiunta a ciò, Giobbe avrebbe fondamentalmente dovuto mentire e dire che aveva peccato e che ciò aveva indotto Dio a rivoltarsi contro di lui. Anche questo proverebbe che Giobbe adora Dio per le cose che dà. Avrebbe dovuto essere disposto a peccare-a mentire-per avere le sue cose restaurate da Dio. Sacrificherebbe la sua integrita’per riavere le sue cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.