Definizione MX

juzgar Giudicare è l’atto con cui viene effettuata una valutazione di fatti e circostanze per prendere una decisione riguardo a qualcosa. Il termine è usato specialmente nel diritto, quando una o più persone particolarmente disposte a farlo valutano una serie di fatti rispetto a una persona, sia individuale che legale, e raggiungono una conclusione che si tradurrà in un giudizio che deve essere eseguito. La nozione di giudicare si applica anche al regno della ragione, dove un giudizio è una valutazione delle circostanze, una comprensione determinata della realtà che avrà le sue conseguenze sul comportamento.

Nel caso del processo giudiziario, l’atto di giudicare deve rispettare una serie di linee guida perfettamente stabilite in anticipo. Pertanto, qualsiasi tipo di comportamento non è ammesso in questa situazione, che in molti casi potrebbe avere conseguenze indesiderabili. Le varie parti di un processo sono disciplinate dal cosiddetto diritto processuale, che garantisce che quest’ultimo rispetti anche il diritto di giustizia. Nei casi penali, ad esempio, è necessario che gli accusati di reati abbiano un avvocato con la capacità di conoscere i dettagli della legge, nonché una persona che si dedichi a dimostrare che la legge è stata violata in determinate occasioni. Nel primo caso si fa riferimento al cosiddetto avvocato difensore, mentre nel secondo al pubblico ministero. Finché il pubblico ministero si impegna a presentare le prove che indicano come e quando i crimini sono stati commessi, oltre a presentare una teoria che mette in relazione i fatti, l’avvocato difensore si dedicherà a cercare di invadere le prove in modi diversi. Durante questo processo, l’imputato continua a godere della considerazione dell’innocenza, che sarà alterata solo quando il giudice emette un giudizio negativo.

È interessante notare come questo tipo di procedura descritta si applichi non solo alle impostazioni secolari, ma anche nel contesto della Chiesa cattolica. Infatti, nel caso dell’elevazione dei santi, viene elaborato lo stesso processo, in cui una parte è responsabile di presentare elementi per dimostrare che una persona ha vissuto in santità, mentre un’altra è responsabile di rovesciare queste prove (l’avvocato del diavolo). In questo caso, sebbene il processo abbia le stesse parti, non è un tentativo di dimostrare la violazione della legge da parte di una persona, ma se ha avuto una vita esemplare che deve essere degna di essere imitata dal resto dei fedeli.

Definizione successiva>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.