Definizione di creolo

Durante il periodo coloniale in America Latina il termine criollo è stato coniato per designare gli ispanici americani discendenti dagli spagnoli. Pertanto, il Criollo-a era originario di qualche paese dell’America Latina, ma i suoi antenati provenivano dalla Spagna.

Società coloniale

Nella storia del continente americano dalla sua “scoperta” nel 1492 possiamo parlare di tre fasi distinte: conquista, colonizzazione ed europeizzazione. La Corona di Castiglia trasferì le sue leggi, lingua, cultura e religione in America.

I primi coloni di origine castigliana provenivano dalla bassa nobiltà che si era impoverita in Castiglia. Nel loro dominio delle nuove terre gli abitanti nativi divennero sudditi della Corona spagnola. All’interno di questo quadro generale, è stato sviluppato un modello di società. La classe dominante era composta da individui provenienti dalla penisola e dai loro discendenti nati in qualche paese dell’America Latina, i Criollos. Il primo formava l ‘ “aristocrazia” coloniale e occupava le posizioni più importanti, mentre il secondo aveva uno status sociale inferiore.

Tuttavia, con il passare del tempo la società creola consolidò il suo potere e divenne una nuova borghesia che dominava il commercio e l’industria

A un livello inferiore c’erano gli indiani nativi, per lo più dediti ai compiti della campagna.

D’altra parte, i meticci (incrocio di indiani e bianchi) formavano una minoranza nella società nel suo complesso.

Infine, con la tratta degli schiavi dall’Africa, i neri cominciarono ad arrivare sul continente americano (in questo gruppo dobbiamo menzionare i maroons, neri che fuggirono dalla schiavitù e finirono per impegnarsi in attività illegali per sopravvivere).

Durante le guerre di indipendenza in America Latina all’inizio del XlX secolo ci furono scontri ideologici e conflitti diretti tra i Criollos e i peninsulares. Vale la pena ricordare che Simón Bolívar, uno dei simboli dell’emancipazione in America Latina, nacque a Caracas ed era un creolo perché i suoi antenati provenivano dalla Spagna.

In altri contesti linguistici

Nel mondo letterario il criollismo è una corrente che ha avuto un ruolo speciale nella prima metà del XX secolo in alcuni paesi dell’America Latina. Questo movimento si distingue per il suo nazionalismo culturale e per la descrizione degli ambienti contadini, ad esempio della Pampa in Argentina.

Il famoso romanzo “Doña Bárbara” del venezuelano Rómulo Gallegos è un esempio di criollismo.

In campo culinario ci sono alcuni nomi con questo termine, come salsa criolla o pan criollo. Infine, tra le diverse razze equine del Sud America, i cavalli creoli sono utilizzati per svolgere i compiti del campo.

Foto Foto: Laiotz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.