75 James Baldwin Citazioni che raccontano la storia dell’America nera

((Foto di Anthony Barboza / Getty Images))

Saggista. Attivista. Visionario. Drammaturgo. Frocio, nero. Rivoluzionario. James Baldwin è tutto questo e molto altro. Alcuni si innamorano dei suoi personaggi e altri trovano conforto nella sua giusta rabbia, ma l’unica cosa che tutti abbiamo in comune è la riverenza per il modo in cui usa la prosa per spostare la coscienza. Meglio conosciuto forNotes di un figlio nativo, Se Beale Street poteva parlare, e il fuoco La prossima volta, le parole di Baldwin e ritratti completi di personaggi neri hanno dato vento a un movimento di coscienza nera della fine del 20 ° secolo e rimangono portali senza tempo nella comprensione della razza, della sessualità e della sete di giustizia.

Di seguito sono riportate 75 citazioni tratte da saggi, interviste, discorsi, lettere e romanzi di James Baldwin. Curata e tessuta per raccontare la storia della vita di Baldwin, guarderai la sua politicizzazione e ti sentirai come se fossero state scritte oggi. Se siete nuovi al suo lavoro o sono alla ricerca di un modo per dare un senso di rivolte di giustizia razziale di oggi, so che le citazioni qui sotto vi darà cibo sia per il pensiero e l ” azione.

Le migliori citazioni di James Baldwin

1. “Il tempo raggiunge i regni e li schiaccia, mette i denti nelle dottrine e li lacera; il tempo rivela le fondamenta su cui poggia qualsiasi regno, e mangia di quelle fondamenta, e distrugge le dottrine dimostrando che sono false.”

2. “Difendersi da una paura è semplicemente assicurare che un giorno si sarà conquistati da essa; le paure devono essere affrontate.”

3. “Poiché, se ti prendono al mattino, verranno per noi quella notte.”

4. “Non mi considero un portavoce—ho sempre pensato che sarebbe stato piuttosto presuntuoso.”

5. “Il negro americano ha dovuto accogliere una grande quantità di odio da quando è stato qui.”

iStock
(iStock)

6. “Gli standard della civiltà in cui sei nato sono prima di te, e quando diventi un uomo sono dentro di te.”

7. “Molto prima che il bambino negro percepisca questa differenza, e ancora più a lungo prima che la capisca, ha iniziato a reagire ad essa, ha iniziato a essere controllato da essa. Ogni sforzo compiuto dagli anziani del bambino per prepararlo a un destino da cui non possono proteggerlo lo fa segretamente, terrorizzato, iniziare ad attendere, senza sapere che lo sta facendo, la sua misteriosa e inesorabile punizione.”

8. “Quando scrivo una commedia o un romanzo, scrivo il finale e ne sono responsabile. Tolstoj ha tutto il diritto di gettare Anna Karenina sotto il treno. Inizia nella sua immaginazione, e deve assumersi la responsabilità per lei fino a quando il lettore non lo fa. Ma la vita di un essere umano vivente, nessuno la scrive. Non si può trattare con un altro essere umano come se fosse una creazione immaginaria.”(In un’intervista con David C. Estes)

9. “Se esci da Harlem, esci da Harlem, in centro, il mondo concorda che quello che vedi è molto più grande, più pulito, più bianco, più ricco, più sicuro di dove sei. Raccolgono la spazzatura. Le persone ovviamente possono pagare la loro assicurazione sulla vita. I loro figli sembrano felici, al sicuro. Non lo sei. E si torna a casa, e sembrerebbe che, naturalmente, che è un atto di Dio che questo è vero! Che appartieni al posto in cui i bianchi ti hanno messo.”

10. “È un grande shock all’età di cinque, sei o sette anni scoprire che il paese a cui hai giurato fedeltà insieme a tutti gli altri non ti ha giurato fedeltà.”

11. “Non puoi insegnare a un bambino se la situazione in cui sta studiando è intollerabile no nessun bambino negro che sta andando in una scuola segregata, che costa milioni di dollari, è ingannato sul perché è lì. È lì perché i bianchi lo vogliono lì e nessun altro posto.”

12. “Ero un ragazzo nero e ci si aspettava di scrivere da quella prospettiva. Eppure ho dovuto rendermi conto che la prospettiva nera era dettata dall’immaginazione bianca.”

13. “Ciò che sta accadendo in questo paese tra i giovani, e non solo i giovani neri, è un sospetto schiacciante che non ne valga la pena.”

14. “Sembrava che non ci fosse alcun modo per rimuovere questa nuvola che stava tra loro e il sole, tra loro e l’amore e la vita e il potere, tra loro e qualsiasi cosa volessero.”

15. “Per quanto ne sapevo quando ero molto, molto giovane non c’era mai stato niente called chiamato uno scrittore nero.”

16. “Devi in qualche modo iniziare a uscire da tutto questo e cercare di diventare te stesso. È difficile per chiunque, ma è molto difficile se sei nato nero in una società bianca.”

17. “Il prezzo in questo paese per sopravvivere è ancora quello di diventare un uomo bianco.”‘

18. “Per raggiungere la vita che volevo, mi era stata data, mi sembrava, la mano peggiore possibile.”

19. “Al di là del talento si trovano tutte le solite parole: disciplina, amore, fortuna, ma, soprattutto, resistenza.”

20. “Non potevo cantare. Non riuscivo a ballare. Ero stato ben condizionato dal mondo in cui sono cresciuto, quindi non osavo ancora prendere sul serio l’idea di diventare uno scrittore.”

21. “Non avevo intenzione di permettere ai bianchi di questo paese di dirmi chi ero, e limitarmi in quel modo, e lucidarmi in quel modo.”

22. “Mi sono trasferito in Europa nel 1948 perché stavo cercando di diventare uno scrittore e non riuscivo a trovare nel mio ambiente, nel mio paese, una certa resistenza, una certa conferma di cui avevo bisogno.”

23. “A New York il colore della mia pelle stava tra me e me, ma in Europa quella barriera era giù.”

24. “Il colore non è una realtà umana o personale; è una realtà politica.”

25. “Non si può essere romantici della natura umana; non si può essere romantici della propria natura.”

26. “Immagino un mondo che è quasi impossibile immaginare in questo paese. Un mondo in cui la razza non conterebbe nulla.”

27. “È semplicemente questo: uno scrittore deve prendere tutti i rischi di mettere giù ciò che vede. Nessuno può dirglielo. Nessuno può controllare quella realtà. Mi ricorda qualcosa che Pablo Picasso avrebbe dovuto dire a Gertrude Stein mentre stava dipingendo il suo ritratto. Gertrude disse: “Non sono così.”E Picasso rispose:” Lo farai.”E aveva ragione.”

28. “La comunicazione è una strada a doppio senso, in realtà, è una questione di ascolto reciproco.”

29. “I pittori hanno spesso insegnato agli scrittori come vedere. E una volta che hai avuto quell’esperienza, vedi in modo diverso.”

30. Diventando uno scrittore: “Ero stato predicatore per tre anni, dai quattordici ai diciassette anni. Sono stati tre anni che probabilmente mi hanno fatto scrivere.”

31. Scrivendo se stesso nella narrazione: “Ho avuto l’idea che la maggior parte delle persone mi ha trovato un ragazzo nero ostile; non ero quello. Dovevo trovare un modo per farglielo sapere, e l’unico modo era usare me stesso.”

32. “Sono stato costretto in qualche modo descrivendo le mie circostanze a imparare a convivere con loro. Non è la stessa cosa che accettarli.”

33. “L’intero linguaggio della scrittura per me è scoprire ciò che non vuoi sapere, ciò che non vuoi scoprire. Ma qualcosa ti costringe comunque.”

34. “Non ho mai scritto un discorso. Non riesco a leggere un discorso. E ‘ una specie di dare e avere. Devi sentire le persone con cui stai parlando. Devi rispondere a quello che sentono.”

35. “Sto ancora imparando a scrivere. Non conosco la tecnica. Tutto quello che so è che devi farlo vedere al lettore.”

36. “Non potevo sedermi da qualche parte affinando il mio talento a un bel vantaggio dopo essere stato in tutti quei posti del Sud e visto quei ragazzi e ragazze, uomini e donne, in bianco e nero, desiderosi di cambiamento. Era impossibile per me lasciarli una visita e poi andarmene.”

37. “La questione del colore nasconde le domande più gravi del sé ed è per questo che il tutto è così difficile da superare e perché è così pericoloso per la nostra società.”

38. “La mia esperienza con i liberali, hanno atteggiamenti, e hanno tutti gli atteggiamenti corretti. Ma non hanno convinzioni reali, e quando i chip sono giù e ci si aspetta loro di fornire e ciò che si pensava che sentivano in qualche modo non ci sono.”

39. Quando è stato chiesto da Esquire cosa i bianchi dovrebbero dire ai colleghi bianchi: “Che se vado sotto in questo paese—io, l’uomo nero—va anche lui.”

40. “Il potere nero li spaventa. Il potere bianco non li spaventa. Stokely non sta, sai, bombardando un paese fuori dall’esistenza. Né minacciare i vostri figli. Il potere bianco lo sta facendo.”

41. “Si poteva sperare che, a quest’ora, la vista stessa delle catene sulla carne nera, o la vista stessa delle catene, sarebbe stata una vista così intollerabile per il popolo americano, e un ricordo così insopportabile, che essi stessi si sarebbero sollevati spontaneamente e avrebbero colpito le manette. Ma, no, sembrano gloria nelle loro catene.”

42. In the New Yorker, 1962: “Dio è nero.”

43. “Avevano i giudici, le giurie, i fucili, la legge—in una parola, il potere. Ma era un potere criminale, da temere ma non rispettato,e da superare in qualsiasi modo.”

44. “Non si può avere una guerra alla povertà se non si è disposti ad attaccare quelle persone e limitare i loro profitti.”

45. “Le differenze tra il Nord e il Sud erano davvero evidenti quando i chip erano in calo. Avevano diverse tecniche di castrazione nel Sud rispetto a quelle del Nord, ma il fatto della castrazione rimase esattamente lo stesso, e questa era l’intenzione in entrambi i luoghi.”

46. In un dibattito contro William F. Buckley nel 1965: “L’oligarchia meridionale, che ha ancora oggi così tanto potere a Washington, e quindi un po’ di potere nel mondo, è stata creata dal mio lavoro e dal mio sudore, dalla violazione delle mie donne e dall’omicidio dei miei figli. Questo, nella terra dei liberi, e la casa dei coraggiosi.E nessuno può contestare questa affermazione. È una questione di documenti storici.”

47. “Sappiamo che la democrazia non significa la coercizione di tutti in una mediocrità mortale—e, infine, malvagia-ma la libertà per tutti di aspirare al meglio che è in lui, o che è mai stato.”

48. “era molto preoccupato per una civiltà che potrebbe produrre quei cinque poliziotto in piedi sul collo della donna negra. A Birmingham, o dovunque fosse. E lo sono anch’io. Sono terrorizzato Dall’apatia morale. La morte del cuore. Cosa che sta accadendo nel mio paese.”

49. “La domanda è davvero una sorta di apatia e ignoranza, che è il prezzo che paghiamo per la segregazione. Questo è ciò che significa segregazione. Non sai cosa sta succedendo dall’altra parte del muro perché non vuoi saperlo.”

50. “Il trionfo americano – in cui la tragedia americana è sempre stata implicita—è stato quello di far disprezzare i neri.”

51. “Se hai persone nel Senato degli Stati Uniti che filibusterizzano sul fatto che tu sia umano o meno, allora ovviamente avrai una reazione nelle strade.”

52. “Parlo di cambiamento non in superficie ma in profondità-cambiamento nel senso del rinnovamento.”

53. “Un modo per misurare la salute di una nazione, o per discernere ciò che considera realmente i suoi interessi—o in che misura può essere considerata come una nazione distinta da una coalizione di interessi speciali—è esaminare quelle persone che elegge per rappresentarla o proteggerla. Uno sguardo ai leader americani (o figure-teste) trasmette che l’America è sull’orlo del caos assoluto, e suggerisce anche il futuro a cui gli interessi americani, se non la maggior parte del popolo americano, sembrano disposti a consegnare i neri.”

54. “Non credo che tu faccia la cosa giusta perché pensi che sia la cosa giusta. Penso che si può essere costretti a farlo perché sarà la cosa espediente. Che è abbastanza buono.”

55. “Dio diede a Noè il segno dell’arcobaleno, Niente più acqua, il fuoco la prossima volta!”

56. “Mi oppongo al termine “saccheggiatori” perché mi chiedo chi stia saccheggiando chi, piccola.”

57. “Ciò che causa le eruzioni, le rivolte, le rivolte – qualunque cosa tu voglia chiamarle – è la disperazione di essere in una posizione statica, assolutamente statica, di guardare tuo padre, tuo fratello, tuo zio o tuo cugino – non importa quanti anni abbia il gatto nero o quanto sia giovane – che non ha futuro.”

58. “è per i negri liberare se stessi e i loro figli dalle sanzioni economiche e sociali imposte loro perché erano schiavi qui.”

59. “Lo chiamiamo rivolte, perché erano persone di colore. Non le chiameremmo rivolte se fossero bianchi.”

60. “Ciò che sta suggerendo che spaventa i bianchi americani è che i neri in questo paese sono legati a persone soggiogate in tutto il mondo.”

61. “La gente nelle strade, specialmente i poveri e i giovani, fanno pressione affinché i leader del movimento siano sempre in grado di valutare con molta attenzione le loro tattiche.”

62. “Se il negro americano, l’uomo nero americano, sta per diventare una persona libera in questo paese, la gente di questo paese deve rinunciare a qualcosa. Se non si arrendono, sarà preso da loro.”

63. “O, per dirla in un altro modo, finché gli americani bianchi si rifugiano nel loro candore—finché non sono in grado di uscire da questa mostruosa trappola—permetteranno a milioni di persone di essere massacrati nel loro nome, e saranno manipolati e si arrenderanno a ciò che penseranno—e giustificheranno—come una guerra razziale.”

64. Sul ripristino della pace: “Non sono i neri che devono raffreddarlo.”

65. “Ciò di cui abbiamo bisogno è qualcuno che possa unire le energie in questo paese, che ora sono sia bianche che nere, in un altro partito che possa rispondere ai bisogni della gente.”

66. “Dobbiamo lottare per la tua vita come se fosse la nostra—che è.”

67. “Dobbiamo fare le nostre definizioni e cominciare a governare il mondo in questo modo perché i bambini bianchi e neri non possono usare ciò che sono stati dati.”

68. “È uno sforzo molto misterioso, non è vero. E la chiave è l’amore.”

69. “È davvero un attacco al presupposto dell’uomo bianco che sa più di te di te, che sa cosa è meglio per te, e che può tenerti al tuo posto per il tuo bene e anche per il suo profitto.”

70. (In un’intervista a Robert Penn Warren) ” Per accogliermi, per superare tanti secoli di crudeltà e malafede e genocidio e paura, tutte le istituzioni americane e tutti i valori americani, pubblici e privati, dovranno cambiare. Il Partito Democratico dovrà diventare un partito diverso, per esempio.”

71. “Se non lo guardi, non puoi cambiarlo. Devi guardarlo.”

72. “Credo che la vita non esaminata non valga la pena di essere vissuta, e lo scrittore certamente non può permettersi alcuna auto-illusione perché il suo soggetto è se stesso e il mondo in cui si trova.”

73. “Il suolo americano è pieno dei cadaveri dei miei antenati. Perché la mia libertà o la mia cittadinanza, o il mio diritto di vivere lì, come è plausibilmente una domanda ora?”

74. “Una volta che ti rendi conto che puoi fare qualcosa, sarebbe difficile vivere con te stesso se non lo facessi.”

75. “Dal momento che viviamo in un’epoca in cui il silenzio non è solo criminale ma suicida, ho fatto più rumore che posso.”

Check out:
Citazioni giustizia razziale
25 account Instagram anti-razzisti da seguire per l’ascolto, l’apprendimento e l’azione
Citazioni per Black History Month
Anti-razzista Starter Pack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.